karate

2 Posts Back Home

Karate on the beach

Ankaran è un paesino sloveno di tremila anime. Ci arrivi dopo pochi chilometri dal confine italiano, quando ti affacci sul golfo di Capodistria e finito il paesaggio carsico hai di nuovo modo di vedere il mare. E il porto, e un’interminabile distesa di automobili. Non lo sapevo, il porto di Koper è il secondo terminal automobilistico del Mediterraneo, più grande c’è solo Barcellona. Treni fitti di auto arrivano da Germania ed Est Europa per riempire colorati container destinati a Cina e Sudest asiatico. Automobili, automobili ovunque. Ma se vuoi fare karate sulla spiaggia, guardando le onde e respirando l’aria pulita, Ancarano è il posto perfetto. E così con gli amici del dojo tutto è organizzato alla perfezione, weekend di fine estate che precede il ritorno alla vita vera, confortevoli alloggi al fresco della pineta (qui le info), bagaglio leggero che l’importante è mettere in borsa karategi e cintura. E poi…

Vette e karate

Week end di fine agosto, montagna friulana, d’inverno sarà la prima ad avere la neve, alta, altissima, candida come ogni neve, ma un po’ meno trendy di quella che cadrà sulle vicine Dolomiti di Veneto e Alto Adige. Il paese si riduce a poche strutture alberghiere, qualche escursionista passa con abbigliamento tecnico impeccabile, i motociclisti si sfogano lungo i tornanti approfittando dei caldi di fine stagione. Inizia qui il mio quarto anno di un percorso fisico e mentale, di crescita, che ha poco a che fare con lo sport, e molto a che fare con le persone. Un viaggio alla ricerca costante del miglioramento, senza giudici oltre a sè stessi, ma che si amplifica quando condiviso con gli altri. Stavolta niente cronometro a scandire emozioni, obiettivi e punteggi, sforzo e riposo. Un volantino ricevuto a casa al momento giusto – ok io i volantini li guardo, deformazione professionale, ma dev’essere…

Navigate